Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > Le statistiche sugli incidenti stradali nel 2022 diffuse da (...)

Le statistiche sugli incidenti stradali nel 2022 diffuse da Aci

12.10.2023

L’Automobile Club d’Italia ha diffuso le statistiche relative agli incidenti stradali del 2022 con il confronto rispetto all’anno precedente. A livello nazionale le vittime crescono tornando a livello del 2019 pre-pandemia: sono 3159 del 2022 contro le 3173 del 2019.

Nella provincia di Genova il tasso di mortalitÓ (rapporto vittime/incidenti) Ŕ tra i pi¨ bassi d’Italia, inferiore ad una vittima per 100 incidenti. Tra le province con il pi¨ basso indice di gravitÓ figurano Genova, Savona, La Spezia, Prato, Milano, Monza, Biella e Gorizia.

Nell’area Metropolitana di Genova, per˛, incidenti, feriti e morti crescono rispetto al 2021. Sono 30 i morti contro i 25 del 2021 e i 33 nel 2019. Nella cittÓ di Genova 16 morti nel 2022 contro 14 del 2021, 23 nel 2019).

Nell’analisi dei dati su Genova, vanno evidenziati due aspetti. E’ altissima l’incidenza dei mezzi a due ruote. A livello nazionale su 303.355 veicoli coinvolti 198.839 sono autovetture e 54.582 tra motocicli e ciclomotori (il 18%). In provincia di Genova su 8229 veicoli coinvolti 3574 sono autovetture e ben 3259 tra moto e ciclomotori (il 40%). Secondo aspetto: la guida distratta Ŕ ormai la causa principale degli incidenti mortali. A livello nazionale Ŕ causa principale insieme alla velocitÓ, mentre in provincia di Genova Ŕ la prima causa in assoluto (41% gli incidenti a causa di guida distratta contro il 23% causato dalla velocitÓ).

"Il basso tasso di mortalitÓ nella cittÓ di Genova - dichiara Carlo Bagnasco, presidente di Ac Genova - ci incoraggia a credere nella possibilitÓ di diminuire questa strage permanente. L’incremento dei morti nella provincia di Genova tuttavia deve essere un campanello di allarme. E’ prioritario accompagnare l’inasprimento delle sanzioni e le modifiche al Codice della Strada con una azione di formazione su tutto il territorio".

"I dati vanno interpretati", spiega il direttore Ac Genova, Raffaele Ferriello. "A Genova occorre fare formazione mirata, puntando sui corretti comportamenti di guida dei veicoli a due ruote e dei pericoli dell’uso dello smartphone alla guida. Regione, Comune, Forze dell’Ordine, ACI e scuole devono collaborare per pianificare azioni formative coordinate. Ad oggi questo avviene troppo poco e solo sporadicamente".